Brindisi

  • Polo Regionale IRCCS E. Medea

Piazza Di Summa presso ex Complesso Ospedaliero Regionale "A. Di Summa"
72100 Brindisi (BR)
0831 349111 / 0831 560850
0831 349613
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

 Carta servizi (.pdf)


Il Centro, inaugurato nel 2011, si trova all'interno dell'ex complesso ospedaliero "Antonino di Summa"; è sede dell'Unità per le Disabilità Gravi dell'Età Evolutiva e Giovane Adulta.

Offre prestazioni diagnostiche, terapeutiche e riabilitative in ambito psicopatologico per disturbi pervasivi dello sviluppo (come autismo infantile e affini), disturbi dell’attività e dell’attenzione (per i quali il Polo è stato individuato come Centro Regionale di riferimento), ritardi mentali, disturbi dell'emotività e del comportamento, disturbi del linguaggio, della funzione motoria, dell'apprendimento scolastico, minorazioni visive e minorazioni uditive, sindromi post-traumatiche da stress e sindromi da maltrattamento.

In ambito neuropatologico, invece, il Polo è riconosciuto come Centro di Riferimento Regionale per il trattamento delle Paralisi Cerebrali Infantili e delle Gravi Cerebrolesioni in età evolutiva. Si caratterizza inoltre per l’esperienza nel campo delle malattie neuromuscolari e delle epilessie sintomatiche.


Equipe

  • Direttore Generale Regionale: dr.ssa Maria Grazia Bacco;
  • Responsabile Scientifico, Direttore Sanitario e Resp. Unità per le Disabilità Gravi dell'Età Evolutiva e Giovane Adulta: Dr. Antonio Trabacca;
  • Direttrice Operativa: Maria Pierina Zanini;
  • Responsabile Amministrativo: dr. Massimo Tommasi;
Equipe diagnostico riabilitativa
  • professionisti medici (specialisti in neuropsichiatria infantile, neurologia, fisiatria, ortopedia, otorinolaringoiatria, pediatria, genetica, oculistica), psicologi, pedagogisti, terapisti della riabilitazione, tecnici neurofisiopatologia, assistenti sociali, infermieri, educatori, assistenti per l'infanzia.

Modalità di accesso:

L'accesso alle prestazioni sanitarie specialistiche e riabilitative nelle diverse tipologie di intervento è garantito ai soggetti in età evolutiva che ne abbiano necessità; le prestazioni sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale e Regionale. L'invio al Centro avviene su richiesta dell'utente o dei familiari, su richiesta del pediatra di libera scelta o del medico di medicina generale, oppure su invio di altre strutture. La visita specialistica puo' essere a carico del Servizio Sanitario Regionale o dell'utente.
Il primo contatto - personale o telefonico - con la struttura avviene di norma con l'Assistente Sociale al fine di orientare gli utenti nei successivi percorsi e procedure.